Montagna

Pubblicato il gennaio 24, 2014 | da Maurizio Beolchini

0

Sciare in Veneto: le migliori località sciistiche

La vocazione turistica del Veneto si misura nella distanza tra le spiagge più belle e le montagne più amate dagli sciatori e da tutti gli sportivi. Praticamente da ogni città del Veneto si può raggiungere in brevissimo tempo un piccolo o grande comprensorio sciistico.

Sciare in Veneto significa immergersi nel fascino del comprensorio sciistico Dolomiti Superski caratterizzato da 12 località in cui sciare con un solo skipass. Avrete a disposizione ben 450 impianti di risalita lungo 1.220 chilometri di piste e 1000 dedicati allo sci nordico. Un’offerta sciistica che sembra davvero infinita se consideriamo che a Cortina d’Ampezzo, località sciistica premiata dal pubblico e dalla stampa, si aggiunge l’altopiano di Asiago, l’Alpe del Nevegal, il comprensorio del Monte Civetta, Alleghe e Selva di Cadore. Da non dimenticare poi le Dolomiti dell’Agordino con Arabba e la Marmolada e il passo San Pellegrino e Falcade rinomata per la pista degli innamorati! Ecco quali sono le migliori località sciistiche del Veneto. Siete pronti a scoprirne i dettagli?

Cortina d’Ampezzo: 143 Km di piste, oltre 128 per il fondo

A conferma della sua natura di Top location del jet set dello sci mondiale nel 2013 Cortina ha vinto la prima edizione assoluta del World Ski Award e l’Italy’s Best Ski Resort. La sua offerta è praticamente impareggiabile: 80 piste per la discesa per un totale di 120 Km di sviluppo servite da 5 funivie – 26 seggiovie – 3 skilift su 1.715 m di dislivello con il 95% di neve programmata. E per gli amanti di Snowboard, freestyle e snowkite c’è l’attrezzatissimo snowpark di Tofana – Socrepes lungo 500 m, servito da una seggiovia a 4 posti. Lo sci nordico dispone di ben 9 percorsi di fondo e dei 5 anelli della pista 3G che sviluppano complessivamente 8 km.

Info neve ed impianti: http://cortina.dolomiti.org
Info hotel e pacchetti scontati: http://www.traveleurope.net/itinerari/c/cortina-d-ampezzo.shtml

Falcade e Passo San Pellegrino: 115 Km di piste

La seggiovia quadriposto Le Buse parte direttamente da Falcade e permette di accedere ai 100 chilometri di piste della Ski Area Tre Valli mentre gli appassionati dello sci nordico possono accedere da casa e dall’albergo con gli sci ai piedi alle piste di fondo che attraversano proprio il paese. Il comprensorio si trova nel centro delle Dolomiti venete e parte da Moena per risalire fino ai 2500 m di Passo San Pellegrino, sotto le pale di San Martino, del Monzoni, del Catinaccio e della Marmolada. Gli appassionati trovano a Falcade anche piste per Carving, snowboard e telemark. È celebre la pista degli innamorati che scende con dolce pendenza lungo i dieci chilometri che collegano Col Margherita a Falcade lungo i boschi del Parco Naturale. Sempre a Falcade i più giovani possono divertirsi al Neve mia Park o al Loacker Land, snowpark a tema dedicato ai celebri biscotti. Ma anche San pellegrino offre ai più piccoli campi scuola, baby Club, slittino e snowtubing per scendere in gommone lungo la pista riservata. All passo San Pellegrino ci sono ben 11 impianti di risalita ed una cabina a 10 posti oltre a seggiovie e skilift per servire 60 chilometri di piste.

Info neve ed impianti: http://www.falcadedolomiti.it
Info hotel e pacchetti scontati: http://www.traveleurope.net/itinerari/f/falcade.shtml

Altopiano di Asiago: 115 Km di piste, 500 per il fondo

La zona dell’Altopiano di Asiago, detta anche dei Sette Comuni, è servita da ben 43 impianti distribuiti sugli 80 chilometri di piste tra le quali tutti gli sciatori dal bambino al neofita al campione troveranno in assoluta sicurezza la pista più adatta alle proprie capacità. Infatti da Asiago si possono facilmente raggiungere ben 5 diversi comprensori sciistici, che però non sono poi collegati direttamente fra di loro: Conco, Enego, Gallio, Lusiana, Roana. A pochi minuti di auto o di bus Kaberlaba offre ben 10 piste di cui 5 km di piste blu, 1.8 km di rosse, 1.5 km di nere servite da 5 impianti di risalita e 2 tapis roulant oltre ad uno snowpark per gli appassionati di Snowboard. Degna di nota è la proposta per gli appassionati di sci nordico. Nella stagione invernale infatti i 500 chilometri delle strade militari vengono trasformati in un circuito di fondo che si snoda interminabile tra valli e boschi.

Info neve ed impianti: http://www.asiagoneve.com/asiagoneve-piste-sci-asiago
Info hotel e pacchetti scontati: http://www.traveleurope.net/itinerari/a/asiago.shtml

Alleghe: 80 Km di piste

Con la cabinovia si raggiunge dal centro di Alleghe il comprensorio del monte Civetta da cui si accede a 40 piste servite da 25 impianti che permettono di raggiungere Selva di Cadore, Palafavera e Zoldo. Due sono le piste che scendono direttamente in paese permettendo di arrivare sci ai piedi fin sulla porta di casa. I bambini hanno a disposizione l’Happy Park con parco giochi ed asilo sulla neve per i più piccoli. Gli appassionati di sci nordico trovano invece nella vicinissima Caprile 4 km di tracciati che attraversano i boschi ed i prati innevati. Ma Alleghe offre ai suoi ospiti anche l’opportunità di sperimentare telemark, carving e sci alpinismo, senza trascurare la possibilità di gite in motoslitta nei boschi e lo stadio del ghiaccio in cui gioca una delle migliori squadre della serie A di hockey.

Info neve ed impianti: http://www.dovesciare.it/localita/alleghe
Info hotel e pacchetti scontati: http://www.traveleurope.net/itinerari/a/alleghe.shtml

Arabba: 52 Km di piste

Situata proprio sul margine estremo dell’alto Agordino, Arabba offre allo sciatore più di 50 chilometri di piste. Ma oltre a questo uno dei motivi di interesse per gli sciatori è come Arabba sia il vero centro geografico del comprensorio Dolomiti Superski. Una cabinovia infatti la collega direttamente a Porta Vescovo sulla Marmolada e da lì alla Sella Ronda per proseguire lungo il Giro dei Quattro Passi senza praticamente togliersi mai gli sci dai piedi. Dal passo Padon si può scendere a Malga Ciapela da dove con la funivia Punta Rocca si risale a 3270 m per affrontare la celebre pista bellunese che con i suoi 12 chilometri di sviluppo è forse la più lunga del comprensorio. Dal Campolongo invece si raggiunge Pralongià e quindi tutta la Val Badia.

Info neve ed impianti: http://www.arabba.it
Info hotel e pacchetti scontati: http://www.traveleurope.net/itinerari/a/arabba.shtml

Nevegal: 40 Km di piste

Il Nevegal è conosciuto come la terrazza delle Dolomiti per la sua conformazione di altipiano a 1000 metri di altezza. Si sviluppa tra prati innevati e boschi di conifere sul versante nord del Col Visentin, la cui vetta raggiunge i 1763 m di altitudine, ed è circondato dalle vette del Col Toront (1673 ) e del Col Faverghera (1610). A pochi minuti d’auto da Belluno, è l’oasi preferita dai suoi cittadini in ogni stagione dell’anno ma anche dagli sciatori del weekend data la sua vicinanza al casello di Belluno dell’autostrada A7. L’area sciistica è servita da 7 impianti di risalita per 40 chilometri di sviluppo, con la pista in Col Toront riservata agli snowboarder e la Coca illuminata ed aperta fino a tarda sera. Gli amanti dello sci nordico trovano due anelli per il fondo con percorsi molto aperti e soleggiati. A Nevegal non manca davvero nulla ci si può sbizzarrire tra lo snowpark, quattro campi scuola per bambini e principianti ed il babyFun Park a cui affidare i bambini prima di affrontare con i più grandi i 2 percorsi di scialpinismo con guide e maestri.

Info neve ed impianti: http://www.alpedelnevegal.it/
Info hotel e pacchetti scontati: http://www.traveleurope.net/itinerari/b/belluno.shtml

Sappada: 20 km di piste, 20 per il fondo

Sappada, rinomata stazione sciistica veneta, offre infinite possibilità di divertirsi sulla neve! Si spazia da Nevelandia, dove bambini e genitori possono giocare insieme sulla neve, alle cascate di ghiaccio sulle quali ci si può arrampicare in sicurezza. Non mancano poi spazi dedicati agli amanti dello snowboard, del carving dell telemark, mentre i più pigri possono noleggiare una motoslitta e scoprile tutti i segreti della valle. Scendere in gommone o in slittino lungo lo snow tubing non è ha lo stesso fascino che affrontare i 20 km dell’anello di fondo da borgata Lerpa a Cima Sappada. Ma tutte queste opportunità hanno in comune la voglia di divertirsi in sicurezza perché a Sappada tutta la famiglia trova sempre lo spazio giusto per ogni età ed ogni capacità. Le piste possono poi contare su ben 20 chilometri di sviluppo e sono servite da 5 seggiovie biposto e da 9 sciovie dove è davvero raro mettersi in coda!

Info neve ed impianti: http://www.sappadadolomiti.com/

Val Comelico: 18 km di piste, 30 per il fondo

Slitte trainate dai cavalli, chilometri di piste di fondo che attraversano boschi di abeti dove sentirete solo il vostro respiro ed il fruscio degli sci, discese che partendo dai 2000 metri del Col di Tenda arrivano sulla porta di casa, non stai sognando sei in Cadore e più precisamente in Val Comelico. Lontano dalla moda, ma vicino alla montagna ed ai suoi abitanti, questo potrebbe essere il motto dei cinque comuni di questa valle: Comelico Superiore, Danta di Cadore, San Nicolò di Comelico, Santo Stefano di Cadore e San Pietro di Cadore. L’altra rinomata stazione sciistica della Val Comelico è l’area di Padula Monte Croce, dove si trovano 9 piste per un totale di 15 chilometri servite da 1 seggiovia e 2 skilift. Le nove piste si distinguono in 3 per principianti, 3 rosse e tre nere con discrete difficoltà e buona pendenza, in modo da soddisfare tutti gli sciatori qualunque sia il loro livello. Ma dopo una giornata di sport non potete far altro che regalarvi il lusso di un tuffo rilassante alle Terme delle Dolomiti, famose per essere le più alte del Mondo e per le loro acque che sgorgano dalla sorgente Valgrande.

Info neve ed impianti: http://www.valcomelicodolomiti.it

Tags: ,


A proposito dell'autore di questo post

Un'amica giornalista mi chiamò nell'87 architetto pentito perché dopo l'esame di stato passato con 40 avevo scelto di aprire un Pub. Poi nel 2000 in piena bolla Internet ho finalmente scoperto che la birra irlandese era migliore di quella di Porta Romana e dopo avere venduto tutto su Ebay come Matteo Caccia sono partito per Dublino. Dopo quindici anni di andarivieni mi è pure passata la paura del volo e sento fratello questo leggendario popolo irlandese a metà tra il pragmatismo inglese ed il possibilismo napoletano!



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑