Mostre

Pubblicato il novembre 27, 2012 | da Sergio

0

Mostre Milano: Dracula e il mito dei vampiri in Triennale

Fino al 24 marzo la Triennale di Milano ospita una mostra davvero cool su una delle leggende più suggestive degli ultimi secoli: quella di Vlad il Vampiro. La notizia più intrigante relativa alla mostra Dracula e il mito dei vampiri è la partecipazione dell’Avis, Associazione Volontari Italiani Sangue, che approfitterà dell’occasione per presentare la propria attività. Mai sodalizio fu più azzeccato.

Il mito del Vampiro arriva a Milano a 100 anni dalla morte nel 1912 di Bram Stoker, lo scrittore irlandese che nel 1897 pubblicò il romanzo Dracula ispirato alla vita di Vlad III principe di Valacchia vissuto nel XV secolo.

La mostra propone un’esposizione di oltre un centinaio di oggetti, documenti, disegni e costumi di scena utili ad indagare la figura del vampiro. Si parte dalla storia, per passare alla letteratura, per approdare al cinema e alle implicazioni sociologiche che la leggenda ha generato nel corso del tempo.

La mostra è realizzata in collaborazione tra Alef-cultural project management, La Triennale di Milano e il prestigioso Kunsthistorisches Museum di Vienna. E’ solo uno degli eventi che nel mondo celebrano il centenario della morte di Stoker e delle vicende di Dracula il Vampiro, Principe delle tenebre.

La mostra milanese è articolata in diverse sezioni. La realtà dietro il mito, curata dal Kunsthistorisches Museum, presenta documenti e opere, come il primo ritratto ufficiale del conte Vlad. La sezione Bram Stoker: Dracula affronta il tema da un punto di vista letterario con gli appunti originali di Stoker. La sezione Morire di luce: il cinema e i vampiri, propone manifesti e locandine originali dedicate al vampirismo nel cinema, con bellissime videoproiezioni in bianco e nero dei primi film sui vampiri e a seguire tutte le rappresentazioni cine-televisive del XX Secolo.

Una particolare attenzione è riservata alla donna vampiro, la Donna Vamp, che oltre ad apprezzare il sangue delle sue vittime, le ammalia, riduce in schiavitù o uccide con la forza della seduzione. Ampio spazio è dedicato ai costumi di scena utilizzati nelle più importanti rappresentazioni teatrali e cinematografiche sulle vicende vampiresche, così come, nella sezione Design del Vampiro, alla descrizione attraverso immagini e video dei luoghi simbolo delle vicende.

Infine, ciliegina su questa sanguinolenta torta, negli spazi espositivi sono proposte una ventina di tavole originali di Guido Crepax, in cui Valentina incontra Dracula. Come si diceva all’inizio, con grande spirito e ironia, la mostra Dracula e il mito dei vampiri in Triennale a Milano fino a marzo 2013, avrà come ospite fisso l’Avis, che presenterà la propria attività sensibilizzando il pubblico sul tema della donazione del sangue. Volontaria.

Tags:


A proposito dell'autore di questo post

Giornalista professionista, appassionato di animali e viaggi, cibo e informatica. Sognatore di professione, cerco di rendere migliore questo mondo raccontando e raccogliendo le piccole esperienze quotidiane che messe insieme fanno una vita. I miei figli dicono che è più facile saltarmi che girarmi intorno. Ma quella è solo apparenza. La sostanza è una costante attenzione per le cose belle e buone che questo mondo ci mette tutti i giorni nel piatto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑