WikiGiovy

Pubblicato il marzo 26, 2014 | da Giovy

0

Andate a conoscere Manchester!

Se vi dicessi Manchester, quali sono le prime parole che vi vengono in mente? Sicuramente qualcuno risponderà “United” o “City” perché questa città del Nord dell’Inghilterra è forse il luogo più calcistico del mondo. Londra vanterà più squadre di calcio, ma Manchester è sicuramente il tempio delle squadre che contano, quelle in cui tanti ragazzini inglesi sognano di giocare.

Messo da parte lo sport, la gente pensa comunemente a Manchester come una città grigia, industriale, grande, piena di traffico e chissà con quanti brutti quartieri. La Big City del Nord è senza dubbio un luogo davvero immenso. La Greater Manchester area non è caso la seconda area urbana dell’Inghilterra.

Quello che poca gente immagina di Manchester è la luce che la invade. Andare a Manchester in un giorno d’estate è un qualcosa che strabilia perché qui il sole tramonta tardi e perché tutti gli edifici in vetro e acciaio della città non fanno altro che amplificare una luce che sembra non voler andarsene mai.

Manchester è cambiata dalla città che era negli anni ’80, quando gli scioperi legati alla politica di ferro della Tatcher misero in ginocchio mezzo paese. Manchester ora è una città che guarda al futuro e che ha deciso di rimettere in piedi tutte le sue aree dismesse e di farne qualcosa di grandioso.

Vi racconto la storia dei Salford Quays, proprio dalle parti dell’Old Trafford. Questa zona della città è un intersecarsi totale di canali, tanto che il mare sembra proprio dietro l’angolo. Qui, negli anni’70 e ’80 viveva la maggior parte degli immigrati asiatici della città. Non era di certo una bella zona in cui trovarsi di sera finché non vennero costruiti nuovi alloggi e la gente si spostò di qui e tutto, o quasi, rimase abbandonato.

Un bel giorno Salford venne ripresa e ristrutturata ed ora qui c’è il quartier generale della BBC, in un palazzo di vetro spettacolare, che sembra dialogare col cielo. Di fronte ad esso è sorto il Manchester War Museum North, un museo gratuito che vuole raccontare la guerra e la vuole spiegare affinché certi conflitti non accadano più. Qui si arriva con il tram direttamente dal centro, ammirando quartiere dopo quartiere una città che sa riqualificarsi e sa guardare al futuro.

Manchester è tutto tranne che buia e scura… anche d’inverno sa splendere. Manchester è una città capace di prendere in mano la realtà storica che l’ha fatta grande per trasformarla in qualcosa di grandioso. Manchester è una città immensa dove si può girare gratuitamente in centro con i mezzi pubblici, grazie a tre linee di city-bus che collegano la zona centrale alle principali stazioni. Manchester è viva, è piena di gente giovane, è la città dove poter mangiare alcuni dei migliori curry di tutto il Regno Unito.

Tanta gente atterra qui per poi prendere un’auto e andare in giro per l’Inghilterra. Troppa gente non si ferma qui per chissà che pregiudizio. Se doveste mai passare di qui, prendetevi la briga di percorrere Portland Street, di arrivare ai Piccadilly Gardens e poi girare in centro esplorando pub, ascoltando storie, ammirando Musei nati in poco tempo, tutti gratuiti e tutti molto interessanti.

Qui c’è sempre vento e il tempo non è mai cupo per tutto il giorno. Tra una nuvola e l’altra, quando arriva la luce, Manchester scintilla e vi rimarrà nel cuore.

Ps: precisazione sulla pronuncia. Non è Mànchester, ma Manchéster

Photo Credit: Salford by Gianluca Vecchi

Tags:


A proposito dell'autore di questo post

Travel blogger e scrittrice freelance: classe 1978, sbrindola, poliglotta e viaggiatrice per indole. Nasco e cresco in Veneto, divento grande in Svizzera per poi coltivare le gioie del cuore in Emilia. Mi piace viaggiare con i mezzi pubblici, con gli occhi ben aperti e con il cuore curioso. Ho una passione sfrenata per le Isole Britanniche e per i piccoli luoghi che non aspettano altro che essere raccontati.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑