Italia

Pubblicato il agosto 1, 2017 | da Andrea Guerriero

0

Agosto a Milano: il mese più bello

C’è una reputazione che aleggia attorno a Milano d’agosto, e non è in genere molto positiva. In realtà pochi possono dire com’è realmente la città perché sono tutti in vacanza, ed è proprio per questo che Milano acquisisce un fascino unico. È il mese in cui le strade si svuotano e, un po’ per il calo dello smog un po’ per i primi temporali, l’aria si rinfresca e diventa più facile dormire la notte anche senza aria condizionata. È il mese in cui si può bere qualcosa sui Navigli senza essere soffocati nella calca di persone e sembra che anche le zanzare siano più rilassate. È il mese in cui si può prendere la metropolitana a qualsiasi ora e trovare un posto a sedere, oppure prendere un bus senza restare incastrati nel traffico. Certo, molti locali sono chiusi ma, grazie all’afflusso di turisti e all’arrivo dei primi giovani in cerca di stanze per studenti a Milano, c’è sempre qualcosa di interessante da fare. Non sapete da dove partire? Ecco i nostri suggerimenti:

In sella a pedalare!

Milano è in teoria la città perfetta per le biciclette: è piccola, è completamente piatta, e le sue strade sono semplici da interpretare, in genere vanno verso il centro oppure ci girano attorno. Il problema è che, nonostante negli ultimi anni si sia sviluppata una bella rete di piste ciclabili, bisogna fare i conti con il traffico, gli automobilisti aggressivi e gli insidiosi binari del tram. Ad agosto le strade sono invece a completa disposizione dei ciclisti, approfittatene e salite in sella per visitare la città come non l’avete mai vista.

Un weekend sui navigli

Ogni buon milanese mostrerebbe un genuino orrore alla proposta di un sabato sera sui navigli, e per delle buone ragioni. Il che è un peccato perché di sera i navigli hanno un fascino tutto particolare, con le luci che si riflettono sull’acqua e le facciate delle case illuminate da colori tenui. Questa magia viene spezzata regolarmente dalle folle che si accalcano attorno ai locali, marciando a fatica ed instancabilmente su e giù lungo l’Alzaia, ma non ad agosto. Per qualche settimana potrete partire dalle Colonne ed arrivare agli ultimi locali dei navigli senza dover chiedere “permesso” a nessuno e senza rischiare di rovesciare il drink.

Cinema all’aperto

Le possibilità per un cinema all’aperto non mancano mai a Milano. La rassegna Arianteo organizza il programma più ricco, con schermi nelle piazze più belle della città. Se invece volete una location più insolita potete andare a guardare un film sui tetti di Milano. Sì perché con Highline Galleria è possibile salire sul tetto sopra ai padiglioni di vetro della Galleria Vittorio Emanuele e godere di una suggestiva visuale oltre che ai cinema selezionati da MyMovies. Se volete invece qualcosa di ancora più particolare allora andate alla terrazza del MIC, sopra la sala cinematografica in zona Bicocca, dove trasmettono film muti con accompagnamento musicale dal vivo. E aperitivi gratis!

Musica all’aperto

Se è la musica più che il cinema che vi attira allora vi va benissimo perchè l’estate è probabilmente il momento migliore per ascoltare musica a Milano, con tutti i suoi spazi all’aperto. Il fulcro storico di ogni estate milanese, anche d’agosto, è il Magnolia, un piccolo circolo in zona Idroscalo che nei mesi caldi si espande sfruttando l’enorme parco attorno. Ci sono gruppi dal vivo ma anche occasioni per ballare.

Per i grandi nomi della musica italiana e internazionale bisogna puntare al Carroponte di Sesto San Giovanni, un’affascinante ambientazione post-industriale che ha un fitto programma di musica per tutto il mese di agosto. Per chi ha la passione per il retro c’è invece la Balera dell’Ortica, nell’omonimo quartiere a est della città, dove si può ballare liscio e swing, giocare a bocce e mangiare cucina casalinga e regionale.

La Campagna in città

Se invece avete voglia di respirare un’atmosfera meno urbana, senza rinunciare alle attività culturali e senza andare troppo lontano, Milano offre anche questo. A poca distanza dal centro, troviamo tre cascine, tutte raggiungibili in bici. Antichi edifici ristrutturati e rigenerati che ora ospitano associazioni e attività che spaziano da moderni coworking a riscoperte delle tecniche agricole con gli orti urbani.

La più famosa è sicuramente Cascina Cuccagna, in zona Porta Romana, che nel suo casale settecentesco ospita laboratori culturali, una ciclofficina e un ottimo ristorante. C’è poi la Cascina Martesana, situata tra l’omonimo naviglio e il parco, che offre una galleria espositiva, un orto di quartiere e un vero e proprio salotto all’aria aperta. Infine la Cascina Torrette, aperta da poco più di un anno in zona ovest, tra San Siro e Baggio. Gestita da Mare Culturale Urbano è una cascina del Seicento che ospita un coworking, delle sale prove e una birreria con cortile.

Tags:


A proposito dell'autore di questo post

Ciao, sono Andrea, blogger di viaggio, programmatore web, apprendista seo e fotografo amatoriale di Milano. Amo leggere, amo la musica, amo viaggiare, soprattutto quando sono in missione e il conto lo paga l'azienda! Amo la fotografia, soprattutto come strumento per raccontare esperienze, luoghi, eventi e persone. La mia macchina fotografica (una Nikon D300) è sempre con me, e questo mi aiuta a condividere la mia vita con il resto del mondo. Entrare in contatto con nuove persone, stili di vita e tradizioni straniere, e scriverne una volta tornato a casa è tutto quello che posso chiedere.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑