Italia

Pubblicato il dicembre 3, 2018 | da Andrea Guerriero

0

Roma Caput Mundi: in viaggio alla scoperta della città eterna

Da millenni non c’è che una città continua ad esercitare il suo fascino su artisti, pensatori, poeti e turisti provenienti da tutto il mondo e, nonostante l’incedere del tempo, la sua bellezza sembra essere immortale. Stiamo parlando di Roma, capitale della nostra splendida penisola, che ogni anno continua ad attirare milioni di visitatori, chiamati nell’Urbe dalla bellezza dei suoi monumenti millenari, dei suoi scorci e della sua atmosfera romantica. Quest’oggi, pertanto, il nostro viaggio sarà dedicato alla scoperta della storia, dei luoghi di interesse e di intrattenimento presenti in ogni angolo della città.

Una storia millenaria

La leggenda narra che il 23 Aprile del 753 a.C. Romolo, fratello di Remo, dopo aver ucciso il fratello gemello per una disputa su chi dovesse fondare la città, diede vita, sul colle Palatino, al primo insediamento che di lì a breve avrebbe portato alla nascita ed alla espansione di Roma. Da quel momento, millenni di storia, di lotte di potere, di cultura, di commerci e di conquiste si sono susseguiti con fare lento ed inesorabile. Ogni re, ogni imperatore, ogni governatore ha lasciato la propria traccia in quella che è una delle città più affascinanti al mondo e che, per mezzo dei suoi innumerevoli monumenti e dei suoi scorci mozzafiato, riesce ad offrire ad i propri visitatori un viaggio nella storia che nessuna altra città al mondo è in grado di offrire. Ancora oggi Roma è una città unica, ricca di contraddizioni, in cui passato, presente e futuro si legano in un vincolo indissolubile che contribuisce a rendere indimenticabile il soggiorno di ogni turista che decide di giungere sulle rive del Tevere.

Quali luoghi visitare

Considerata la vastità del centro storico e l’infinito numero di monumenti nascosti in ogni angolo della città, è difficile indicare dei luoghi che debbano essere visti a discapito di altri: il consiglio, pertanto, è di dedicare al vostro soggiorno romano il giusto tempo che vi possa garantire di vivere la città nella sua interezza, senza lasciare nulla al caso. Oltre all’immancabile visita al Colosseo, l’Anfiteatro Flavio, riconosciuto in tutto il mondo come il vero e proprio simbolo di Roma, ogni turista che si rispetti non potrà esimersi dal visitare i Fori Imperiali, luogo ricco di fascino e di storia che offre al visitatore un’idea di come potesse apparire la Roma imperiale. Non distante, nel percorso che dal Colosseo porta in centro, è presente un altro monumento che, seppur meno antico di quelli sopra citati, si fonde alla perfezione con il contesto in cui è inserito, sorprendendo il visitatore per la maestosità ed il candore dei suoi esterni: stiamo parlando dell’Altare della Patria, la cui costruzione è iniziata nel 1885 per concludersi nel 1935. Entrando nella zona del centro storico, il visitatore potrà perdersi tra le decine di vicoli che nascondono, in ogni angolo, un monumento che racconta un pezzo di storia. Dopo aver visitato la famosissima Fontana di Trevi, Piazza di Spagna, con la sua celeberrima Fontana della Barcaccia ai piedi della scalinata di Trinità dei Monti, Piazza Navona dove si tiene ancora oggi lo storico mercato, Piazza San Pietro, l’Isola Tiberina, Trastevere, addentrandosi nei vicoli del centro storico, ogni turista che si rispetti non potrà astenersi dal visitare uno dei posti più incredibili e suggestivi di tutta la Capitale: il Pantheon. Situato nel rione Pigna del centro Storico, il Pantheon, tempio fondato nel 27 a.C per il culto di tutte le divinità presenti, passate e future, oltre ad essere un capolavoro d’ingegneristica, con la sua apertura centrale mozzafiato, è uno dei monumenti più imponenti di tutta Roma e, soprattutto, tra i più indicativi della grandezza passata dell’Urbe. La bellezza del Pantheon è sopravvissuta a millenni di storia: a partire dalle invasioni barbariche sino ad arrivare ai bombardamenti che nella Seconda Guerra Mondiale colpirono Roma, nessuno è stato in grado di scalfire le sue mura e la sensazione è che sia destinato a durare in eterno.

Come intrattenervi nel vostro soggiorno a Roma

Roma, tuttavia, non è una città di soli monumenti o una città di solo turismo storico: l’Urbe è una città viva, in cui ogni giorno, in ogni angolo della città, ci sono eventi teatrali, musicali, mostre e rappresentazioni artistiche di vario genere. Roma, con la storica rivalità tra le due città capitoline, Lazio e Roma, entrambe tra le candidate alla vittoria del prossimo campionato, è inoltre una città che vive uno stretto rapporto con lo sport. Per i romani, tifosi della Roma o della Lazio che siano, la fede calcistica non discosta molto dalla fede religiosa, con i pro ed i contro che ciò comporta. In ogni angolo della città, in ogni via, in ogni quartiere è presente l’influenza storico-culturale che il calcio esercita sugli abitanti della città eterna, a partire dai bambini che sognano di vestire un giorno la maglia del proprio campione preferito sino ad arrivare agli anziani che hanno visto la loro vita scandita dalla vicende sportive della loro squadra del cuore. Roma, inoltre, è anche divertimento notturno con bar, discoteche e locali che ogni sera attirano nelle vie del centro, nel quartiere di San Lorenzo ed a Trastevere migliaia di ragazzi alla ricerca di un po’ di buona musica e di sano divertimento.

Roma, la città eterna, l’Urbe, Caput Mundi o comunque la si voglia chiamare, è una città che deve essere necessariamente visitata almeno una volta nella vita. In ogni angolo della città, del centro storico e dei suoi quartieri storici è nascosto e gelosamente custodito un pezzo di storia che aspetta solo di essere scoperto.

Tags:


A proposito dell'autore di questo post

Ciao, sono Andrea, blogger di viaggio, programmatore web, apprendista seo e fotografo amatoriale di Milano. Amo leggere, amo la musica, amo viaggiare, soprattutto quando sono in missione e il conto lo paga l'azienda! Amo la fotografia, soprattutto come strumento per raccontare esperienze, luoghi, eventi e persone. La mia macchina fotografica (una Nikon D300) è sempre con me, e questo mi aiuta a condividere la mia vita con il resto del mondo. Entrare in contatto con nuove persone, stili di vita e tradizioni straniere, e scriverne una volta tornato a casa è tutto quello che posso chiedere.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑