Italia

Pubblicato il aprile 26, 2012 | da Giulia

0

Tour di Roma in bicicletta in un weekend

Visitare la Città Eterna in un weekend con un budget limitato è una sfida divertente. Il primo passo è scegliere un hotel economico a Roma.  Il secondo passo è decidere come girare la città. La soluzione più economica è la bicicletta: 15 euro per 30 ore di noleggio. Ipotizzando di aver scelto un hotel vicino a Piazza del Popolo, pensiamo al migliore tour di Roma in bicicletta in due giorni. E non dimenticate il caschetto.

Primo giorno
Da Piazza del Popolo attraversando il Ponte Regina Margherita si arriva in Vaticano. Da viale Cola di Rienzo e via del Mascherino si raggiunge la Basilica di Piazza San Pietro circondata dal Colonnato del Bernini. Ammirato il Sacro Sagrato si prende via della Conciliazione e si giunge a Castel Sant’Angelo. Attraverso il ponte omonimo sul Tevere, da via del Banco di Santo Spirito si raggiunge Corso Vittorio Emanuele II. Da ammirare lungo il Corso, ci sono piazza di Santa Maria in Valliccella e il Palazzo della Cancelleria. Prendendo Vicolo del Gallo si arriva in Piazza Campo dei Fiori, uno dei luoghi più popolari della città soprattutto la sera.

Tornando su Corso Vittorio Emanuele, dopo largo di Torre Argentina si sfocia in Piazza del Gesù. Sulla destra inizia via d’Aracoeli che conduce in via San Marco e in Piazza Venezia su cui incombe l’imponente Altare della Patria. Pedalando poche centinaia di metri si incrocia la Colonna Traiana. Sulla sinistra lungo via dei Fornari si ammirano Palazzo Colonna, la Chiesa dei Santissimi Apostoli e palazzo Odescalchi. Da via San Marcello si incrocia via dell’Umiltà e poi via San Vincenzo: girando a sinistra si sbuca in faccia alla Fontana di Trevi. Qui la sosta è d’obbligo per il lancio della monetina mentre di esprime un desiderio.

Prendendo via delle Muratte che porta al Tempio di Adriano e poi via della Guglia si arriva al cuore politico della Nazione, con Palazzo di Montecitorio e Palazzo Chigi. Dopo le sedi governative si incrocia via del Corso: vale la pena parcheggiare un attimo la bicicletta e passeggiare guardando le vetrine. Ripreso il mezzo a due ruote, a destra dopo meno di 300 metri inizia via Condotti la via dello shopping più famosa di Roma. In fondo c’è piazza di Spagna con la scalinata di Trinità dei Monti. La foto ricordo anche qui è d’obbligo. A destra, prendendo via del Babuino, si torna in Piazza del Popolo.

Secondo Giorno
E’ dedicato al tour della Roma Imperiale.
Da Piazza del Popolo si sale fino al Pincio. Lungo via della Trinità dei Monti, superata la scalinata (questa volta vista dall’alto), si giunge in via Sistina: dopo Piazza Barberini e la Fontana del Tritone si arriva all’incrocio chiamato Quattro Fontane.

A destra inizia via del Quirinale. Dopo il Palazzo della Presidenza della Repubblica diventa via 24 Maggio e poi via Magnanapoli. Da qui si entra in via dei Fori Imperiali e a questo punto sbagliare è impossibile: su ambo i lati si ammirano i resti della Roma Imperiale, il Foro di Traiano, Foro di Giulio Cesare e poi tutti i magnifici resti, tra cui la Basilica Giulia, i Fori Imperiali, la Basilica di Massenzio, il Foro della Pace, il Foro romano fino al Colosseo che merita di essere visto da tutte le angolature con un giro del periplo del magnifico monumento.

Alle spalle dell’anfiteatro simbolo di Roma si prende via Claudia che costeggia il Parco del Celio fino all’incrocio con via Santo Stefano Rotondo. In fondo si apre Piazza San Giovanni in Laterano (quella del Concertone del Primo Maggio) e da viale Carlo Felice si giunge in Piazza di Porta Maggiore. Superata la ferrovia le vie sulla sinistra conducono nella zona dell’Università. Da Viale Castro Pretorio si arriva a Porta Pia e da Corso Italia ai giardini di Villa Borghese.

Le ultime pedalate all’interno del parco riconciliano con l’ambiente dopo il … magnifico caos del centro storico di Roma. Proseguendo di torna in Piazza del Popolo, alla fine di un week end a Roma un po’ faticoso, ma davvero low cost.

Non abbiamo consigli particolari per mangiare economico a Roma, ma la città è piena di trattorie. Dopo aver risparmiato sul viaggio, sull’hotel e i mezzi di trasporto, una buona pasta cacio e pepe … ve la siete proprio meritata.

foto di Naviki

Tags: ,


A proposito dell'autore di questo post

Quando scrivo viaggio, quando sogno viaggio, quando vivo vorrei sempre viaggiare. Purtroppo non riesco a scappare quanto vorrei, ma per fortuna il mio lavoro mi porta in giro per il mondo, a contatto con la gente. Quando torno mi chiudo dentro la mia stanza e ritorno da dove sono arrivata con la penna o la tastiera. Amo leggere i post di viaggio che si trovano nella rete. Ogni volta che raccontate di un vostro viaggio ... io vorrei essere stata lì con voi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑