Arte

Pubblicato il aprile 20, 2012 | da Giulia

0

Notti al Museo per bambini tra squali e dinosauri

Per bambini e ragazzini passare una Notte al Museo è un’esperienza indimenticabile. Spesso anche per i genitori visti i costi che il divertimento dei più piccoli a volte comporta. Ma il gioco … vale la candela, in particolare quando si tratta dell’Acquario di Genova o del Museo di Storia naturale di Milano … dove gli squali o i dinosauri non dormono mai.


In primavera e autunno si moltiplicano le iniziative nei musei riservate ai più giovani. In particolare ad esempio la Notte al Museo, dove ai ragazzi sono proposte visite guidate, laboratori, giochi ed esperienze in un clima davvero unico: il museo nel silenzio più totale, senza familiari intorno, con dormita collettiva in sacco a pelo.

Anche per questa primavera, e in particolare tra aprile e maggio, sono tantissimi i musei che organizzano eventi notturni per ragazzi tra i 5-6 e i 12-13 anni. Qui di seguito segnaliamo alcune delle iniziative, ma sul web ne sono presentate decine di altre.

I ragazzini dai 6 ai 9 anni possono provare l’ebbrezza della notte al museo a Genova all’interno della Città dei bambini e dei ragazzi. Una notte magica con un ‘viaggio’ tra le stelle di un planetario preparato per l’occasione, dove scoprire le costellazioni e conoscere curiosità sul mondo stellare che ci circonda. Dopo la colazione al mattino ai ragazzini è consegnato un kit edutainment sul mondo stellare.
Prezzo: 80 euro.

Il Museo Civico di Storia Naturale di Verona offre la possibilità di passare una notte nel museo in un’atmosfera davvero suggestiva. Consumata la cena i ragazzini iniziano una sorta di caccia al tesoro tra le sale, alla ricerca di indizi nascosti tra le fauci delle tigri o tra le zampette dei coleotteri. Anche qui si dorme in sacco a pelo e si fa colazione tutti insieme. Per giovani dai 6 a 11 anni
Costo: 46 euro.

Il WiMu è il Wine Museum realizzato all’interno del Castello Comunale Falletti nel Comune di Barolo in provincia di Cuneo. Qui la notte al museo assume un aspetto davvero unico grazie anche all’allestimento degli spazi curato dall’architetto svizzero François Confino. Dopo l’accoglienza i bambini, dai 6 agli 11 anni, iniziano una vera e propria avventura alla scoperta della storia del vino e del suo rapporto millenario con l’uomo.
Costo: 60 euro

In Umbria, con una piccola deviazione a Fabriano nelle Marche, fanno le cose in grande e per tutto maggio le notti al museo si moltiplicano. Per i ragazzini dai 6 ai 10 anni in diversi musei a Perugia, Torgiano, Piegaro, Foligno, Orvieto e Fabriano si organizzano nottate di avventura e scoperta. Il programma è dettagliato nel sito di presentazione dell’iniziativa chiamata: Sognando al Museo.
Costo: 20 euro

Anche a Ravenna si organizza la notte al museo. In particolare nel vicino comune di Sant’Alberto presso il Museo NatuRa. Dalle ore 20.30 alle 8.30 del mattino successivo i ragazzini dai 7 a 11 anni vengono catapultati in una splendida avventura notturna con tante attività ludiche e ricreative, giochi e laboratori. Il sacco a pelo è anche qui indispensabile: la mattina, per chi volesse passare una bella giornata in famiglia, si organizzano gite guidate nelle Valli di Comacchio.
Costo: 16 euro

Già da diversi anni il Museo di Storia Naturale di Milano organizza le notti al museo. Anche in questa primavera i ragazzini tra 8 e 12 anni potranno trascorrere le ore notturne tra dinosauri e grandi animali preistorici. La nottata infatti ruota intorno alle origini del mondo, alla flora e alla fauna che milioni di anni fa dominavano il nostro pianeta. Laboratori, giochi ed esperimenti per far scoprire ai giovani una scienza unica, la paleontologia.
Costo: 60 euro

Tags: , , , , ,


A proposito dell'autore di questo post

Quando scrivo viaggio, quando sogno viaggio, quando vivo vorrei sempre viaggiare. Purtroppo non riesco a scappare quanto vorrei, ma per fortuna il mio lavoro mi porta in giro per il mondo, a contatto con la gente. Quando torno mi chiudo dentro la mia stanza e ritorno da dove sono arrivata con la penna o la tastiera. Amo leggere i post di viaggio che si trovano nella rete. Ogni volta che raccontate di un vostro viaggio ... io vorrei essere stata lì con voi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑