Francia

Pubblicato il gennaio 14, 2011 | da Sergio

0

La Côte autentica è a Nizza

Il lungomare di Nizza, luogo di incontro e di passeggio, è una zona pedonale a ridosso della spiaggia. E’ su questo viale, la Promenade des Anglais, il lungomare più famoso, che Nizza vive 24 ore su 24, 365 giorni all’anno, tra manifestazioni, esibizioni musicali, bancarelle e le classiche chaises bleues, le sedie blu dove turisti e cittadini si siedono a godere della brezza che viene dal mare.


Questa è la costa autentica, la Côte conosciuta in tutto il mondo: da una parte c’è il mare, dall’altra i musei, i parchi, il lungo viale dello shopping, i mercati dei fiori. Ed è su questo viale che Nizza mostra le sue mille facce, quelle dei turisti mordi-e-fuggi e di quelli che qui hanno la seconda casa; la Nizza degli hotel come il Negresco, il Boscolo, il West End, il Meridien Nice, Le Grimaldi, il Westminster, il Radisson Blu e la Nizza dei clochard che si godono il sole; la Nizza cosiddetta ‘bene’ con i palazzi della Belle Époque e la Nizza dei giardinetti con musicisti improvvisati e bancarelle di ogni genere.

E così diversa è anche la gente che sulla Promenade cammina e passeggia: turisti, studenti, manager, coppie anziane, globetrotter e signore molto raffinate. Sulla Promenade des Anglais si svolgono le manifestazioni più importanti della città, come il Carnevale con la spettacolare parata, ma anche il Nizza Jazz Festival di luglio, dove su palchi improvvisati hanno suonato i più grandi di sempre, da Louis Armstrong a Dizzy Gillespie.

Foto di pachaallen

Tags: ,


A proposito dell'autore di questo post

Giornalista professionista, appassionato di animali e viaggi, cibo e informatica. Sognatore di professione, cerco di rendere migliore questo mondo raccontando e raccogliendo le piccole esperienze quotidiane che messe insieme fanno una vita. I miei figli dicono che è più facile saltarmi che girarmi intorno. Ma quella è solo apparenza. La sostanza è una costante attenzione per le cose belle e buone che questo mondo ci mette tutti i giorni nel piatto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑