Pubblicato il febbraio 3, 2014 | da Emiliano Neri

Seychelles: un paradiso naturale di rara bellezza

Abitate da solo due secoli e mezzo, le Seychelles sono ancora incredibilmente inviolate e la loro bellezza incontaminata caratterizza l’intero territorio: dai culmini di granito ricoperti da rigogliose selve, alle valli e radure fino a raggiungere le acque cristalline dell’oceano.

Sono uno dei pochi luoghi rimasti sulla Terra che ancora permettono di riscoprire il passato, di assaporare la libertà e di ritrovare se stessi. Un monile della natura, un paradiso terrestre, un luogo che anno dopo anno richiama e seduce turisti provenienti da ogni parte del mondo alla ricerca di un posto in cui rilassarsi e divertirsi.

Una volta giunto alle Seychelles ti sembrerà di essere arrivato nel paese delle meraviglie, in un luogo in rimarrai abbagliato dallo splendore e della perfezione dei paesaggi. I colori, i sapori e i profumi ti incanteranno, facendoti vivere la magia che solo queste isole possono offrire. Scoprirai l’ospitalità e la simpatia degli isolani, amanti del buon cibo, del divertimento e della danza.

Un po’ di geografia

Le Seychelles, arcipelago-nazione dell’Oceano Indiano, si trovano a circa 1.600 km dalla costa del continente africano, a nord del Madagascar, vicino alle Mauritius e alle Maldive. Le 115 isole che compongono le Seychelles, di cui ben 41 rappresentano le più antiche isole granitiche centro-oceaniche del mondo, si sviluppano attorno all’isola principale, l’isola di Mahé.

Le acque crisalline dell'Oceano Indiano!

Mahé e le isole di Praslin e La Digue formano il gruppo di isole dette Inner Islands. Le altre 74 isole dell’arcipelago, formate da atolli corallini e banchi di sabbia, sono anche chiamate Outer Islands. Un paradiso acquatico di queste dimensioni rappresenta una lussuosa ghiottoneria per tutti gli amanti del mare e della vela, però accanto alle classiche offerte all-inclusive nei resort più o meno esclusivi che costellano le spiagge e le insenature dell’arcipelago, sono sempre più numerosi i turisti che scelgono una vacanza in barca a vela alle Seychelles. Un modo sicuramente più avventuroso per scoprire questo incontaminato angolo di mondo.

Le Inner Island, il cuore turistico ed economico dell’arcipelago delle Seychelles, si estendono tra i 4° e gli 8° a sud dell’Equatore, e vantano un primato, la capitale più piccola del mondo, Victoria, che si estende in soli 8,9 km quadrati.

Il clima delle Seychelles è sempre caldo e non raggiunge mai temperature né troppo elevate né troppo rigide. La temperatura raramente scende sotto i 24 ° C o sale al di sopra di 32 ° C, il che fa sì che le Seychelles siano la destinazione ideale per tutti gli amanti del sole e delle spiagge.

La natura incontaminata delle Seychelles

La vera vita delle Seychelles è scandita dai ritmi lenti del suo popolo che ti circonda con sorrisi ed è irrimediabilmente diversa rispetto a quella dipinta nei cataloghi dei tour operator e dai costosissimi resort. Queste isole infatti offrono la possibilità di un contatto intenso con la natura e con il suo popolo e danno l’impressione di trovarsi in un luogo tutt’altro che turistico.

Alle Seychelles, un paradiso naturale incontaminato, convivono un’ampia gamma di specie uniche nel loro genere tra le quali spicca il favoloso coco-de-mer, la noce di cocco più pesante del mondo, il simbolo indiscusso delle isole Seychelles. L’enorme palma cresce spontaneamente solo in due luoghi: l’isola di Curieuse e la Vallèe de Mài, nel cuore dell’isola di Praslin. Qui le palme raggiungono un’altezza di 30 metri, con foglie che possono superare anche i 14 metri di diametro. Si possono ammirare i tipici frutti che stuzzicano la fantasia: il frutto femmina somiglia terribilmente al bacino femminile, mentre il frutto maschio non poteva che essere del tutto simile a…beh, ci siamo capiti no?

Coco, una piscina naturale

Da non perdere anche l’albero medusa del quale esistono solo otto esemplari, l’affascinante uccello “Vedova” delle Seychelles e l’esclusivo usignolo delle Seychelles. Sulla famosissima Curoieuse Island, che si trova di fronte a Praslin, si possono ammirare numerose specie animali dalla rana più piccola alle tartarughe giganti più pesanti al mondo. Non dimenticatevi di fare un salto sull’Isola di Bird e salutare Esmeralda, la tartaruga gigante che con i suoi centosettanta anni e trecento chili di peso incanta i turisti.

Le Seychelles sono un museo di storia naturale vivente dove si nascondono alcune delle specie più rare al mondo. Oggi, circa il 50% della loro superficie terrestre è stato trasformato in parco nazionale o riserva naturale, proprio per custodire e preservare gli habitat e gli ecosistemi che le caratterizzano. Le Seychelles vantano anche due siti dichiarati patrimonio mondiale dell’UNESCO: Aldabra, l’atollo di corallo emerso più grande al mondo e la Valle de Mài a Praslin, foresta antichissima a lungo creduta il “Giardino dell’Eden”.

La cucina delle Seychelles

Non di sola bellezza naturale vive l’uomo! Quando vi siederete a tavola, infatti, troverete una grande passione nella loro cucina, che affonda le proprie radici in quella africana, ma è anche finemente influenzata da quella francese. Non mancano poi gli aromi esotici della cucina indiana e i sapori piccanti dei piatti asiatici. Pesce e polipo alla brace conditi con una salsa a base di peperoncino, zenzero e aglio sono tra i piatti più apprezzati.

La magia dell’isola di La Digue

Visitare La Digue è come tornare indietro nel tempo, è come immergersi in un’atmosfera magica di cui il piccolo villaggio di La Passe ne è l’essenza. I ritmi quotidiani scorrono lenti e tranquilli, non circolano auto e gli unici mezzi di trasporto sono le biciclette, anche se negli ultimi anni iniziano a vedersi i taxi, i pulmini degli hotels, macchine della polizia e ambulanze. Il pescato del giorno arriva la mattina al porto, i bimbi vanno a scuola allegri e ti salutano sorridendo, ci sono solo qualche negozietto, piccoli market e ristoranti sulla spiaggia. La sera, quando calano le tenebre, non si accendono i lampioni, l’unica strada del paese è illuminata dalle luci dei locali.

Isola di La Digue

Visitare La Digue vuol dire non perdersi due dei luoghi più belli al mondo Coco, dove sembra di nuotare in una piscina e Anse Source d’Argent, dove la bassa marea ti svela piscine naturali limpidissime dove fare snorkeling tra i coralli! E la magia continua al calar delle sera quando il tramonto infuoca il cielo per lasciare poi il posto ad un mare di stelle.

Passeggiate nella natura e tazze di tè sull’isola di Mahé

Ma le Seychelles incantano i turisti anche con gli splendidi sentieri del Chemin Sans Souci all’interno del Parco Nazionale Morne di Mahè. Mentre si percorrono le salite e le curve che lo contraddistinguono sembra di essere all’interno di una foresta incantata, un patrimonio naturale sorprendente. Si può lasciare l’auto a Mission, dove si trovano le rovine di un’antica missione e percorrere un breve sentiero che conduce ad un belvedere naturale che regala una vista mozzafiato degna di una foto ricordo: da un lato le montagne ricoperte da una fitta giungla tropicale, dall’altro la splendida costa ovest, un susseguirsi di spiagge stupende lambite dall’Oceano Indiano.

La splendida Anse l'Iselette

Proseguendo lungo la Sans Souci Road si raggiunge una piccola e caratteristica fabbrica del tè, l’unica dell’isola. Un breve tour guidato illustra tutte le fasi della lavorazione del tè: dall’essicazione delle foglie al confezionamento delle classiche bustine. Al termine, è possibile degustare una delle gustose miscele nella caffetteria adiacente, oppure acquistare un souvenir nella piccola bottega.

Curiosità sulle Seychelles

C’è una piccola curiosità che rende le Seychelles un approdo d’autore! Sembra che Ian Fleming, autore dei romanzi di James Bond, diede ad un suo personaggio il nome Milton Krest, ispirandosi alla birra con zenzero che bevve proprio durante una sosta alle Seychelles.

La morale?
Si, perché tutte le favole ne hanno una è…
Le Seychelles sono un luogo epico che affonda le radici in un passato da cui c’è ancora molto da imparare e si proietta verso il futuro rispettando e preservando le peculiarità che le contraddistinguono!

Foto di rachel_thecat e dibaer


A proposito dell'autore di questo post

Ristoratore, volontario nei vigili del fuoco, organizzatore di eventi e skipper. Pragmatico nel midollo e cacciatore di arcobaleni nel cuore. Vorrei una barca gigante così da poter caricare tutti gli abitanti del pianeta terra, aprire le vele e portarli ai piedi del sole, applaudendo unitamente al suo tramonto, generando così il più grande aperitivo del Sistema solare. Sogno nel cassetto: comandare l'Enterprise e a velocità curvatura 4 uscire nello spazio profondo ascoltando Confortybly Numb dei Pink Floyd. Lasciando l'ancora a terra. Buon vento!



2 Responses to Seychelles: un paradiso naturale di rara bellezza

  1. Sara says:

    Leggendo solamente il titolo ti viene voglia d prendere uno zaino, metterci dentro il minimo indispensabile correre all’aeroporto e partire, trepidante all’idea di quando sarai rilassato sul sedile di un aereo a gustarti il resto dell’articolo, emozionandoti per quello che da li a poco potrai vedere.

    Ma…………

    Ti rendi conto che ti saresti scordato di alcune cose “fondamentali” , come avvisare il capo che per motivi di forza maggiore non potrai andare a lavoro per qualche giorno, avvisare i tuoi che per un po’ non sarai raggiungibile, trovare qualcuno a cui affidare il gatto, ma soprattutto hai il tempo per rinnovare il passaporto dimenticato da tempo in un cassetto, “piccolo” dettaglio a cui non avevi pensato.

    E allora rilassato sul divano ti metti a leggere l’articolo, lo leggi, lo rileggi e lo leggi ancora e ti piace sempre di più.

    Tutto quello che ti aspetta comincia a prendere forma nella tua mente e non puoi altro che dirti “stavolta parto veramente!!” …perché i sogni se vogliamo possono diventare realtà!!

  2. Francy says:

    Mollare tutto per qualche giorno e volare alle Seychelles, uno di quei posti che ti fanno sognare ad occhi aperti ancora prima di averlo raggiunto, è proprio uno di quei sogni che possono diventare realtà in un battibaleno! Basta solo volerlo come dici tu Sara!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑