Weekend

Pubblicato il febbraio 14, 2011 | da Sergio

0

Amsterdam in un weekend!

Partenza il venerdì pomeriggio e ritorno la domenica sera. Destinazione: Amsterdam. Cosa fare? Cosa vedere? Cosa non perdere assolutamente?

Prima tappa Piazza Dam, con il Palazzo Reale, il Koninklijk Paleis. Da qui si prende la via dello shopping, la Kalverstaat, con una puntata al grande centro commerciale Kalvertoren. Oppure, sempre da Piazza Dam, la Nieuwendijk, piena di locali, ristoranti e coffeshop.

Vicino alla piazza centrale c’è la Stazione e vicina a questa la basilica St. Nicolaaskerk, altro luogo da visitare assolutamente. Dalla piazza della stazione parte anche la via Damrak, altro luogo di svago e divertimento con locali, bar e ristoranti.

Assolutamente da non perdere è il quartiere Jordaan, uno dei quartieri più alla moda della città, abitato da artisti, dove si trova anche la casa di Anne Frank, al numero 263 sul canale Prinsengracht. Un altro punto di estremo interesse è il Museo Van Gogh, in Paulus Potterstraat al numero 7, ma sicuramente un giro serale va fatto in uno dei quartieri a luci rosse della città. Ce ne sono ben tre: il più famoso è nel Walletjes, un altro è a Singel vicino a Raadhuistraat, e l’ultimo è a Pijp, quartieri multietnico e molto vivace.

Dal profano al sacro, altro luogo da non perdere è il Begijnhof, nella zona sud-ovest del centro, dove sono ben conservate case del 1600 dove alloggiavano le beghine, donne laiche che facevano voto di castità e si dedicavano al volontariato.

Per un momento molto romantico la scelta non può che essere un giro sui barconi tra i canali che tra l’altro passano alla strada dei musei, in zona Museumplein, dove ci sono i più bei musei della città tra cui il Rijksmuseum sull’arte olandese nell’ultimo millennio. Infine, se avanza tempo, una visita lo merita in Stadhouderskade 78 l’Heineken museum, dove si scopre tutto sulla famosa birra e soprattutto si assaggia la bevanda a ‘chilometro zero’: dal produttore direttamente al consumatore.

Foto di ♀Μøỳαл_Bгεлл♂HI AGAIN ALL, I’M BACK

Tags: ,


A proposito dell'autore di questo post

Giornalista professionista, appassionato di animali e viaggi, cibo e informatica. Sognatore di professione, cerco di rendere migliore questo mondo raccontando e raccogliendo le piccole esperienze quotidiane che messe insieme fanno una vita. I miei figli dicono che è più facile saltarmi che girarmi intorno. Ma quella è solo apparenza. La sostanza è una costante attenzione per le cose belle e buone che questo mondo ci mette tutti i giorni nel piatto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑