Spagna

Pubblicato il marzo 30, 2016 | da Andrea Guerriero

1

Metti un weekend a Valencia, cosa fare, vedere e… mangiare

Valencia è una delle città più dinamiche e interessanti d’Europa, capace di combinare tradizione, folklore e senso d’identità con un perenne slancio verso il rinnovamento. Un mare meraviglioso, una vita a misura d’uomo (e di portafoglio!), le tante attrazioni,  i voli diretti (ed economici!) che la connettono a tutti gli angoli del continente, e ovviamente la sua grandiosa Paella – il piatto spagnolo per eccellenza – rendono Valencia la meta ideale per un piacevole weekend low cost.

paella

Fino a qualche anno fa Valencia era considerata unicamente una meta di passaggio per i turisti che vi transitavano diretti verso le altre e più famose città della penisola iberica. La Coppa America del 2007 ha cambiato tutto. Grazie al prestigioso evento velico internazionale le luci della ribalta si sono accese per questa perla, illuminandone la vivacità architettonica e culturale. In effetti un weekend è poca cosa per gustare tutto il meglio che questa città ha da offrire, ma il turista affamato e curioso sarà facilitato nell’impresa grazie alla fortunata concentrazione delle maggiori attrazioni in poche e ravvicinate zone della città.

valencia-old-town

Il consiglio principale è quello di cercare un’alloggio per la notte nella città vecchia. Il centro di Valencia si offre al turista in tutta la sua magnificenza grazie alla presenza di complessi architettonici importanti, come la Basílica de la Virgen de los Desamparados e la Catedral de València che si stagliano ai lati della bellissima Plaza de la Virgen, ma permette anche di vivere dal di dentro la vivace quotidianità valenciana, fatta di mercati affollati, caffetterie e locali animati che rendono la movida Valenciana una delle più trendy di Spagna. A partire dal Barrio del Carmen, il quartiere più frizzante, sempre pieno di gente allegra per le strade, passando gioiosamente da un locale all’altro e gustando il piacere della bella vita con un calice di rosso in mano. Cafe Infanta, Bolser, Johnny Maracas, sono solo alcuni dei tanti interessanti locali frequentati da turisti e amanti delle feste di ogni genere e età. Ma la vita notturna trova sfogo anche in altre parti della città, facendo di Valencia una delle città più vive della regione. Ricordiamo tra queste Calle Conde de Altea, l’area più chic della città, o Juan Llorens, una zona frequentata prevalentemente da adolescenti.

valencia-cathedral

Il secondo consiglio è quello di non perdersi il simbolo principale della rinascita e modernità di Valencia: la Città delle Arti e delle Scienze, in valenziano Ciutat de les Arts i les Ciències, un futuristico complesso realizzato dall’architetto Santiago Calatreva composto da 6 stupefacenti edifici… bellissimi da vedere di fuori, interessanti da visitare al loro interno: le mostre al Palazzo delle Arti, le installazioni al Museo della Scienza, film e proiezioni all’Hemisfèric, i giardini e le vedute panoramiche all’Umbracle, gli eventi e i concerti all’Agora e l’incredibile mondo subacqueo messo in scena nel più grande acquario d’europa all’Oceanogràfic

valencia-serranos-night

Il terzo ed ultimo consiglio per vivere appieno il vostro weekend a Valencia è quello di riservare del tempo per visitare le sue spiagge – Pinedo, La Devesa o El Saler, giusto per nominare le più famose. Lo charme di queste spiagge era già tanta cosa prima della Coppa America, ma con l’avvento di questa, l’intero litorale valenciano ha vissuto un’esplosione pazzesca, con la creazione di infiniti chilometri di piste ciclabili, nuovissimi stabilimenti balneari e aree ricche di attrazioni, negozi e negozietti. Il porto stesso costruito per l’evento velico è diventato la vera forza trainante che ha permesso a Valencia di rivalutare oltremisura il suo mare… ed è tutto li per voi, a portata di mano.

Se volete saperne di più andate sul sito dell’Ufficio del Turismo di Valencia: http://9nl.de/B23EB23

 




Tags: ,


A proposito dell'autore di questo post

Ciao, sono Andrea, blogger di viaggio, programmatore web, apprendista seo e fotografo amatoriale di Milano. Amo leggere, amo la musica, amo viaggiare, soprattutto quando sono in missione e il conto lo paga l'azienda! Amo la fotografia, soprattutto come strumento per raccontare esperienze, luoghi, eventi e persone. La mia macchina fotografica (una Nikon D300) è sempre con me, e questo mi aiuta a condividere la mia vita con il resto del mondo. Entrare in contatto con nuove persone, stili di vita e tradizioni straniere, e scriverne una volta tornato a casa è tutto quello che posso chiedere.



One Response to Metti un weekend a Valencia, cosa fare, vedere e… mangiare

  1. Andrea a Barcellona says:

    Per me Valecia = Paella ma anche tanta storia e monumenti da visitare e per questo, ogni volta che ci vado scopro sempre cose nuove da vedere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑