Francia

Pubblicato il luglio 31, 2013 | da Sergio

0

Le spiagge di Bordeaux sul mare di Arcachon

I turisti che soggiornano negli hotel di Bordeaux e vogliono visitare la splendida regione dell’Aquitania, possono trascorrere piacevoli giornate in spiaggia ad Arcachon, una località davvero unica in Europa.

Un paese famoso per un’incredibile duna di sabbia di oltre 100 metri circondata da boschi. Sul mare di Arcachon si praticano tutti gli sport acquatici, si prende il sole su magnifiche spiagge attrezzate, ma soprattutto si coltivano le perle dei mari, le ostriche.

Arcachon è a poco più di una ventina di chilometri da Bordeaux, di cui è praticamente la località balneare. Il flusso turistico è cominciato alla fine del 1800 e quindi oggi l’accoglienza in hotel, villaggi, campeggi, ristoranti, locali e centri sportivi, ha raggiunto ottimi livelli. Inoltre tutta quest’area gode di un clima fantastico, caldo ma non afoso in estate e freddo mite in inverno.

La baia di Arcachon è famosa per la Duna di Pyla e le ostriche. Nel bacino del mare chiuso di oltre 150 mila chilometri quadrati, dove in mezzo svetta la piccola isola sabbiosa di Ile aux Oiseaux, si coltivano i preziosi molluschi, ovviamente una delle principali specialità gastronomiche della cucina locale.

La Duna di Pyla, che da sola merita un viaggio, si trova nei pressi del villaggio di Pyla-sur-Mer. È la più alta d’Europa e raggiunge altezze di 120 metri (che mutano con i venti) ed ha un’estensione di 1,5 chilometri quadrati: in estate è il paradiso degli aquiloni.

Arcachon è però prima di tutto una meta turistica, con spiagge bianche e attrezzate, hotel e villaggi, disponibili sia sulla costa che nell’immediato entroterra, ristoranti e strutture sportive. Da non perdere le terme di Arcachon e i centri benessere, che sfruttano la sorgente Sainte-Anne des Abatilles, il Casinò sulla spiaggia, la Chapelle des Marins e Pointe de l’Aiguillon, antico quartiere di pescatori.

Foto di Mtu33260

Tags: ,


A proposito dell'autore di questo post

Giornalista professionista, appassionato di animali e viaggi, cibo e informatica. Sognatore di professione, cerco di rendere migliore questo mondo raccontando e raccogliendo le piccole esperienze quotidiane che messe insieme fanno una vita. I miei figli dicono che è più facile saltarmi che girarmi intorno. Ma quella è solo apparenza. La sostanza è una costante attenzione per le cose belle e buone che questo mondo ci mette tutti i giorni nel piatto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑