Divertimento

Pubblicato il marzo 31, 2011 | da Sergio

0

Il museo dei videogiochi è a Berlino

Ha riaperto i battenti a Berlino un luogo imperdibile per gli appassionati del videogioco: il Computer Game Museum, in Karl-Marx-Allee 93. Chiuso nel 2000 per problemi finanziari, il museo ha riaperto con una mostra permanente dal titolo: Computer Games: Evolution of a Medium.

“I videogame sono una forma d’arte, come la pittura e la scultura”. Con queste parole Ralph H. Baer, pioniere dell’intrattenimento video-ludico, ha ri-tagliato il nastro di inauguarazione del Computer Game Museum, che racconta con ‘reperti’ e installazioni la storia del videogioco dal 1971 fino ai giorni nostri.

Presentando videogiochi di tutti i tipi, da quelli per i primi Pc a quelli da bar, dalle consolle ai migliori dispositivi per il clicca&spara, il museo copre un periodo di storia che sembra lunghissimo, visti i profondi cambiamenti che il videogioco digitale ha subito in soli 30 anni.

La mostra permanente allestita all’interno del museo, Computer Games: Evolution of a Medium, raccoglie videogiochi e accessori d’epoca, mentre nella Wall of Game Milestones, si ritorna nel passato con i mitici Snake e Pong e si guarda al futuro con Street Fighter II e Sonic the Hedgehog. Nelle sale chiamate RaveSnake è possibile giocare via bluetooth con i giochi presenti sul proprio cellulare, in sfide fino a sette giocatori contemporaneamente.

Molto interessante è la sezione del museo dedicata al rapporto tra videogame e società. In sostanza si sollecitano i visitarori a riflessioni sulle implicazioni che il gioco digitale ha avuto ed ha sulla vita, soprattutto di quella dei giovani, ma non solo: sull’isolamento o le interazioni, sulla dipendenza e sul tema, da sempre controverso, della violenza dei giochi spara-tutto e di lotta corpo a corpo.

In effetti, chi ha provato la primissima versione di Armageddon qualche dubbio di un eccessivo realismo lo ha avuto. Vi ricordate lo scopo del gioco in quella primissima e immediatamente ritirata prima versione?

Foto di hsingy

Tags: ,


A proposito dell'autore di questo post

Giornalista professionista, appassionato di animali e viaggi, cibo e informatica. Sognatore di professione, cerco di rendere migliore questo mondo raccontando e raccogliendo le piccole esperienze quotidiane che messe insieme fanno una vita. I miei figli dicono che è più facile saltarmi che girarmi intorno. Ma quella è solo apparenza. La sostanza è una costante attenzione per le cose belle e buone che questo mondo ci mette tutti i giorni nel piatto.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑