Italia

Pubblicato il 15 Aprile, 2019 | da Andrea Guerriero

0

Cosa fare a Roma in 7 giorni

Roma ha quel fascino di città eterna, che coinvolge i turisti di tutto il mondo, che ha affascinato generazioni di uomini e donne che l’hanno potuta ammirare almeno una volta nella vita. Roma è la Capitale d’Italia, con la sua lunga storia millenaria, che nasconde un cuore grande ed è un caratteristica particolare per la bellezza che non si trova spesso nelle città metropolitane d’Europa.

Il patrimonio artistico è talmente ampio che sapere cosa fare in 7 giorni è complicato, ma vediamo insieme i principali luoghi in cui scattare foto per lasciare i propri ricordi intatti. Nell’ottica di organizzare una vacanza a Roma, sapendo che ci sono anche straordinari campeggi a Roma, è necessario organizzare le cose da vedere e da fare perché è una metropoli enorme che offre tanto dal punto di vista architettonico, storico e culturale. Di fatto, per trascorrere la propria vacanza in campeggio a Roma si può prenotare il proprio soggiorno sul sito di prenotazione alcampeggio.it, dove vengono proposte le migliori destinazioni italiane, marittime, culturali e di montagna.

7 giorni a Roma tra arte e cultura

Innanzitutto il primo giorno deve essere dedicato ad una lunga passeggiata alla scoperta del Colosseo e del Foro Romano: il consiglio è di organizzarsi per tempo e prenotare i biglietti per visitare il Colosseo con largo anticipo, prenotando online, perché sul posto è complicato e spesso si incontrano i famosi “saltafila” che vi faranno pagare più caro il ticket. 

Il Foro Romano si trova su Via dei Fori Imperiali e rappresentava il centro politico, giuridico, religioso della civiltà Romana. Sono imperdibili. Fermatevi per uno stop culinario e riprendete la marcia spostandovi verso Piazza Venezia e visitate il Vittoriano e se riuscite fate una visita ai Musei Capitolini. 

Il secondo giorno partite da Piazzale Flaminio e giungete in Piazza del Popolo, visitate la famosa Chiesa di Santa Maria del Popolo dove troverete due opere del Caravaggio. Risalite la piazza e attraversate tutti i negozi che si trovano in via del Babbuino, per arrivare fino alla famosa e importante Piazza di Spagna.

Le scalinate di Piazza di Spagna sono una vera istituzione turistica, impossibile non visitarle. Proseguite verso la famosa via dei Condotti, strada dello shopping del lusso romano. Da qui si può facilmente raggiungere la Piazza Colonna e Piazza Montecitorio, dove ha sede il Parlamento italiano.

Qui nei pressi ci sono trattorie che vi sapranno sicuramente ospitare per un pranzetto perfetto. Nel pomeriggio raggiungete la fontana di Trevi per gettare la monetina e per farvi un selfie caratteristico. 

Roma è anche Vaticano, Musei Vaticani e San Pietro

Il terzo giorno dedicatelo per rendere visita al Vaticano, partendo da Piazza San Pietro ed entrando in una delle Basiliche più importanti al mondo: la Basilica di San Pietro, dove potrete ammirare alcune tra le opere più maestose della storia dell’arte. Il Mosaico della Navicella di Giotto, Costantino a cavallo e la Scala Regia di Bernini, La Pietà di Michelangelo, il Cupolone di Michelangelo e molto altro, vi aspettano per lasciarsi ammirare.

Se avete prenotato per tempo e se vi siete ben organizzate allora sarete fortunati ed entrerete a scoprire i Musei Vaticani, uno dei complessi museali più importanti al mondo e dove, tra l’altro, potrete amare l’incredibile e sconvolgente bellezza della Cappella Sistina. Fare questo percorso vi toglierà parecchio tempo, per cui calcolate bene i tempi, uscite presto la mattina e organizzate la giornata.

Nel pomeriggio, avendo ancora forza, approfittate del tempo che vi resta per visitare Castel Sant’Angelo, la fortezza papale, salite fino in alto per ammirare la città. 

Il quarto giorno trascorretelo attraversando le chiese storiche della città di Roma, partendo dal Circo Massimo, verso la Bocca della verità, l’Aventino, il famoso Giardino degli Aranci. Siccome la stanchezza comincerà a farsi sentire, sentitevi liberi di girare, scoprire: Roma è stupenda, se vi lasciate trasportare e attraversate i vicoli, troverete luoghi incantevoli e particolari, magari non per forza battuti dal turismo di massa.

Il quinto e sesto giorno rallentate con calma, approfittate, laddove ci sia bel tempo, per conoscere Villa Borghese, il secondo parco pubblico più grande di Roma. Datevi l’obiettivo di scoprire anche la cucina locale, magari in questi ultimi giorni partite alla scoperta delle trattorie storiche della città e fatevi ingolosire dalle ricette ancestrali tramandate per secoli da famiglie e famiglie di romani.

Non avete ancora visitato Trastevere, un quartiere fondamentale di Roma, che nasconde bellezze indimentcabili, come il Gianicolo: salite e ammirate Roma dall’alto.  


Tags:


A proposito dell'autore di questo post

Ciao, sono Andrea, blogger di viaggio, programmatore web, apprendista seo e fotografo amatoriale di Milano. Amo leggere, amo la musica, amo viaggiare, soprattutto quando sono in missione e il conto lo paga l'azienda! Amo la fotografia, soprattutto come strumento per raccontare esperienze, luoghi, eventi e persone. La mia macchina fotografica (una Nikon D300) è sempre con me, e questo mi aiuta a condividere la mia vita con il resto del mondo. Entrare in contatto con nuove persone, stili di vita e tradizioni straniere, e scriverne una volta tornato a casa è tutto quello che posso chiedere.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑