Mostre

Pubblicato il novembre 15, 2010 | da Giulia

0

Van Gogh torna a Roma dopo 20 anni

Con il titolo “Vincent Van Gogh. Campagna senza tempo e città moderna” torna dopo 20 anni a Roma una mostra dedicata al grande pittore olandese. Sessanta opere affiancate da un’altra trentina di dipinti di Gauguin, Cezanne, Pissarro, Millet, Seraut. Una proposta per il vostro ponte dell’Immacolata!

Curata da uno dei maggiori esperti del pittore morto suicida il 28 luglio 1980, Cornelia Homburg, la mostra che ha aperto i battenti nel complesso del Vittoriano a Roma rappresenta uno dei degli eventi più importanti per la Capitale in questo periodo.

La mostra, come recita il titolo, si sviluppa su due temi portanti: la città e la campagna. Le opere esposte provengono dai più importanti musei del mondo, il Louvre, la Tate di Londra, il MoMa di New York, e sono affiancate da altre opere di altri grandi artisti a cui Van Gogh si ispirava, tra cui Gauguin e Cezanne.

Si tratta di un percorso espositivo molto ricco e affascinante in cui l’opera ‘urbana’ e ‘contadina’ dell’artista viene esplorata e raccontata da guide specializzate. Le opere ripercorrono l’evoluzione artistica di Van Gogh attratto sia dagli elementi della natura, fiori, campi, lavoratori della terra, mulini, boschi e quant’altro, sia la vita delle città, i caffé, le strade, il cielo stellato tra i vicoli, i ponti di Parigi, tutti simboli di quella modernità che l’artista amava e temeva.

La mostra di Van Gogh si pone l’obiettivo di superare le 500 mila presenze che hanno caratterizzato la precedente esposizione delle opere del Caravaggio. L’esposizione è accompagnata da alcune polemiche rispetto all’autenticità di alcune opere esposte, come ad esempio ‘Augustine Roulin con la figlia Marcelle’.

Foto di MicheleLovesArt

Tags:


A proposito dell'autore di questo post

Quando scrivo viaggio, quando sogno viaggio, quando vivo vorrei sempre viaggiare. Purtroppo non riesco a scappare quanto vorrei, ma per fortuna il mio lavoro mi porta in giro per il mondo, a contatto con la gente. Quando torno mi chiudo dentro la mia stanza e ritorno da dove sono arrivata con la penna o la tastiera. Amo leggere i post di viaggio che si trovano nella rete. Ogni volta che raccontate di un vostro viaggio ... io vorrei essere stata lì con voi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑