News

Pubblicato il dicembre 2, 2013 | da Giulia

0

Novità per chi vola con Ryanair

Michael O’Leary ad di Ryanair ha incartato per tempo il regalo di Natale ai numerosi clienti della sua Compagnia. In una conferenza stampa ha infatti dichiarato che sono stati presi in considerazione tutti i suggerimenti postati dagli utenti nel corso dell’anno. Le relative modifiche al regolamento interno diventeranno operative a dicembre 2013.

Mi è parsa una dichiarazione eccessivamente propagandistica così sono andato a ripescare i miei suggerimenti inviati alla Compagnia aerea per ingannare il tempo nei miei numerosi viaggi a Dublino. Il pessimismo era giustificato perché non sono state prese in considerazione le mie pur ragionevoli richieste. Chiedevo di limitare per quanto possibile l’odore di cinghiale bagnato che al momento dello snack si diffonde in cabina e di avere hostess di volo esclusivamente di sesso femminile.

Sono invece più pragmatiche le novità del regolamento di imbarco Ryanair e comprendono tra le altre la possibilità di portare con sé un secondo bagaglio a mano oltre al classico mini-trolley da 55x 40 x 20 di 10 kg. Questo secondo bagaglio però è in sostanza una borsetta o una piccola tracolla di misura 35x 20x 20 che nella mia esperienza sono comunque sempre riuscito ad imbarcare contando sulla buona sorte e la ragionevolezza degli addetti al controllo. Diciamo che quindi in questo caso più che di una concessione si tratta di riconoscere ed istituzionalizzare quelle esigenze minimali dei passeggeri che già oggi di fatto non venivano comunque penalizzati per la borsetta o la tracolla.

Piuttosto ricordo di aver assistito a numerose scenate al gate tra stizziti dipendenti Ryanair e disperati turisti che a piedi uniti saltavano sul loro bagaglio a mano per costringerlo ad entrare nella piccola gabbietta di metallo adibita a misura. Da oggi anche in questo senso c’è una novità se pure non così clamorosa come il buon vecchio O’ Leary vorrebbe farci credere.

Le ansiose viaggiatrici che sfidavano le leggi della fisica comprimendo vanamente nel trolley il giubbotto Aspesi acquistato al duty free da oggi hanno nuovi argomenti di riflessione più seri che sfidare la legge fisica della incompenetrabilità dei corpi. E’ stato ridotto da € 60 a 50 il sovrapprezzo per i bagagli per passare il gate di imbarco con un acquisto effettuato in aeroporto. Dubito però che questa concessione possa influire sulle scelte dei clienti Ryanair perché in molte circostanze l’importo supererebbe il costo del biglietto di volo del passeggero stesso o sarebbe comunque maggiore dello sconto praticato al duty free.

Più utile è invece la possibilità entro 24 ore dall’acquisto di correggere un errore commesso durante la prenotazione del biglietto aereo ad esempio nella scrittura del nome del passeggero. La concessione però è riservata ai soli documenti di viaggio acquistati direttamente online sul sito della Compagnia.

Curiosa è invece la eliminazione della “Recaptcha” dalla pagina di richiesta informazioni, si tratta di quella parola strana ogni volta diversa da riscrivere nella casellina per venire riconosciuti come esseri umani e non come robot che vogliono solo reperire informazioni sul sito.

Valuteremo infine la reale incidenza nelle abitudini di equipaggio e passeggeri nella creazione di voli silenziosi. Si tratta in sostanza dei voli notturni che godranno di luci più basse e del minimo di annunci vocali, al fine di limitare ogni eventuale disturbo ai passeggeri fortunati che riescono ad appisolarsi in volo sognando così il cinghiale arrosto di Obelix.


A proposito dell'autore di questo post

Quando scrivo viaggio, quando sogno viaggio, quando vivo vorrei sempre viaggiare. Purtroppo non riesco a scappare quanto vorrei, ma per fortuna il mio lavoro mi porta in giro per il mondo, a contatto con la gente. Quando torno mi chiudo dentro la mia stanza e ritorno da dove sono arrivata con la penna o la tastiera. Amo leggere i post di viaggio che si trovano nella rete. Ogni volta che raccontate di un vostro viaggio ... io vorrei essere stata lì con voi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑