Festività San Valentino

Pubblicato il gennaio 17, 2011 | da Giulia

0

Emozioni per due: Venezia o Parigi per San Valentino?

San Valentino a Venezia o a Parigi? Dove volare per festeggiare il giorno degli innamorati? Difficile scegliere tra due delle più romantiche città al mondo, l’una capace di risvegliare il ricordo di nobildonne mascherate che tra calli e canali sono cercate da focosi amanti, l’altra così combattuta tra le passeggiate romantiche in Montmartre e le frenesie erotiche di Pigalle.


Insomma la scelta è davvero difficile. Perché dover decidere tra un abbraccio davanti al Ponte dei Sospiri, lungo i canali solcati dalle gondole, seduti al Caffè Florian in Piazza San Marco o ripercorrendo l’itinerario erotico di Giacomo Casanova (l’alcova di Palazzo Merati, il palazzo in Campo San Maurizio dove abitava il poeta erotico Baffo che iniziò Casanova all’arte della seduzione, in calle Valleresso dove un tempo c’era una casa da gioco frequentata dal focoso amante, il convento Santa Maria degli Angeli a Murano dove il Casanova visse la sua più leggendaria storia d’amore con una misteriosa monaca di clausura) e la Parigi romantica dei bateaux-mouches sulla Senna, dei giardini e dei parchi (imperdibili per gli innamorati i Jardin du Luxembourg o i Jardin des Tuileries), del muro dei ‘Ti amo’ scritto in 300 lingue in Place des Abbesses, dei ristoranti come ‘L’Aiguière’ antica locanda frequentata dai moschettieri di Luigi XIII in Rue de Montreuil, del bacio a 300 metri d’altezza sulla Tour Eiffel o tra le opere della cultura amorosa del Museo Rodin… è davvero impossibile.

Ma una scelta alla fine va fatta, perché nel giorno di San Valentino l’amore deve trovare un luogo dove esprimersi. E a fine giornata, dopo la passione tra le calli o le Rue, rifugiarsi in un hotel a Parigi o Venezia … fa dimenticare anche in quale parte del mondo ci si trova.

Foto di Linds 🙂

Tags: , ,


A proposito dell'autore di questo post

Quando scrivo viaggio, quando sogno viaggio, quando vivo vorrei sempre viaggiare. Purtroppo non riesco a scappare quanto vorrei, ma per fortuna il mio lavoro mi porta in giro per il mondo, a contatto con la gente. Quando torno mi chiudo dentro la mia stanza e ritorno da dove sono arrivata con la penna o la tastiera. Amo leggere i post di viaggio che si trovano nella rete. Ogni volta che raccontate di un vostro viaggio ... io vorrei essere stata lì con voi.



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Torna su ↑